powered by contentmap

I LUOGHI DELLA MEMORIA

 
2 5Gli Archi sono un quartiere relativamente recente, nato alla fine del ‘700 laddove prima erano solo rupi scoscese sul mare. Anche per questo possiede una memoria forte e viva, una storia di cui ancora molti anziani sono testimoni, magari attraverso il racconto dei padri. Racconti di fatti e di luoghi (come la Rivolta dei Bersaglieri e Porta Pia, l’idrovolante Ancona-Zara), ma anche di persone e personaggi (come Doge o la Pietruccia). Un “borgo” che in soli due secoli ha trasformato radicalmente il suo volto: da passeggio urbano con grandi viali alberati, a luogo del divertimento con i sontuosi stabilimenti balneari, a quartiere operaio prima e di pescatori poi. Ma la storia, con i bombardamenti della II Guerra e le trasformazioni urbanistiche successive, non ha rimosso queste memorie. Memorie da sempre legate al mare e a tutto ciò che dal mare arriva: dal lavoro a bordo, alla famosa e internazionale Fiera della Pesca, ai rapporti con la Dalmazia e l’Istria, ai migranti provenienti prima dall’Adriatico e poi dal più grande Mediterraneo. È proprio il desiderio di preservare queste memorie per trasmetterle alle generazioni future a far sperare che, a partire dal lavoro svolto per la Mappa di Comunità, possa essere realizzato un piccolo museo di quartiere: uno spazio pubblico che racconti gli Archi attraverso lo sguardo dei suoi abitanti e la ricchezza delle sue tante storie.