Tra il verde delle rupi che collegano il rione Archi a Capodimonte, si trova il campo da calcio “Pacifico Ricci”. È dedicato alla memoria di un pescatore morto in mare nel tentativo di salvare un collega extracomunitario caduto durante una battuta di pesca.
Un episodio doloroso molto radicato nella memoria del quartiere.
Prima della realizzazione del campo da calcio, questo luogo era una zona di verde pubblico dove si celebrava la Festa della Venuta con un grande falò e dove i giovani facevano pic-nic, giocavano a fare pallate di neve o improvvisavano avventurose gite di fantasia.
Per parecchio tempo, come il campetto e la piazzetta, è stato un importante luogo di aggregazione; vi si organizzavano tornei di calcetto ed intere giornate di festa.
Purtroppo oggi non è possibile viverlo come si vorrebbe perché è percepito come un luogo mal tenuto.
Di fatto questo spazio è un’occasione mancata per il quartiere. Essendo pressoché inutilizzabile determina tra l’altro il sovraffollamento e la scarsa vivibilità degli altri spazi destinati al gioco dei bambini più piccoli.
Attualmente la gestione spetta al Comune, ma il degrado che regna testimonia di fatto una incapacità dell’amministrazione di far fronte alla necessaria manutenzione.
Per questo, per tornare in possesso di questo spazio, la Comunità ha più volte ipotizzato soluzioni alternative, tipo la gestione affidata ad una associazione del territorio o la costituzione di un Comitato di quartiere, che ne tutelino però l’uso pubblico e gratuito.
powered by contentmap