“Papagnocu, papuchiò, cazzabubulu, slapazucu, se diceva ai stupidoti e ai ingenui;
strafalciò tucava a uno pogo preciso che lassava tutu in giro o se vestiva male;
bricòculu a un testardo, fafulò a chi diceva bugie, rumigò o zòzu a un avaro,
sprevengolu a ‘n fiolo che nun stava mai fermo, a un fiolo dispetoso; cagarela a
quello pauroso; impiastru a unu nojoso o che spesso stava a leto pe picole malatie,
defati l’impiastru era pure el cataplasma fatu de erbe bolite che se pugiava belu
caldo indò se sentiva el dolore; Panzini ce ne fa ‘na coleziò intel libro de le locuzioni
nel vernacolo anconetano.

“Ciarimbolo” merita un discorso a parte; in genere si dava del “Ciarimbolo” ad una
persona in senso un po’ dispregiativo, come stupido o sempliciotto.
“Nun se capisce, ma prò, che relaziò cià cul ciarimbolo de maiale che saria quel
budelo particulare longo a ochio ‘na metrata, che viene prima de quelo che je se dice
gentile. El ciarimbolo, rimpito de udori un po’ forti e pezi de maiale
speciali, serve pe cundì specialmente l’erba de campo ma se po’ pure magnà, cotu in
gratigola, basta avece el stomigo bono perché ogni palmo de carimbolo
ce vole un… fiasco de vì!…”
 
(Giorgio Occhiodoro)
 
---------- - ----------
 
def letteratura la bottega della pietruccia
 
---------- - ----------
 
poesia archi riò miu
 
---------- - ----------
 
poesia el magazì
 
---------- - ----------
 
poesia giugà
 
---------- - ----------
 
poesia l'anconetane di palermo giangiacomi
 
---------- - ----------
 
poesia quel 16 utobre 1943
 
---------- - ----------
 
poesia via vasari unico-1
 
---------- - ----------
 
poesia vita  d'a.
 
---------- - ----------
 
prghiera del pescatore
 
---------- - ----------
 
canzone ancona